La storia di Enea Dal Fiume, vincitore della prima Coppa Placci

ENEA DAL FIUME, il vincitore della prima Coppa Placci nel 1923

ENEA DAL FIUME, nato a Castel Guelfo (Bo) il 24.10.1891 e deceduto a Imola il 25.07.1966. Passista- scalatore. Ha sfidato i campioni del passato correndo come dilettante, dilettante fuori-classe e isolato. Senza alcun dubbio, è stata la figura più rappresentativa del ciclismo imolese degli anni ’20.

Causa il primo conflitto mondiale, la sua carriera ha preso avvio in età avanzata e si è protratta sino alla soglia dei quarant’anni. In possesso di grandi qualità come grimpeur, se la cavava niente male sul passo e negli arrivi ristretti. Dopo essersi messo in evidenza nelle categorie minori, dove ha fatto incetta di risultati, nel 1920, in qualità di dilettante, si affaccia al ciclismo che conta, che lo mette di fronte ai professionisti.

Nel 1920 è secondo al Giro Città delle Ceramiche di Faenza. Nel 1922 è ancora secondo nel Trofeo Morgagni-Ridolfi di Forlì. Nel 1923 vince la prima Coppa Placci; come dilettante fuori-classe, è secondo nella Coppa Cavaciocchi di Prato, 3° al Trofeo Morgagni-Ridolfi, 7° nella XX Settembre, 9° al Giro dell’Emilia, 11° al Giro di Toscana e 16° nella Milano-Modena. Nel 1924, fasciato nella maglia della Jenis è 2° alla Placci, 9° al Giro di Toscana e 12° nella Milano-Torino. Nel 1925 è 12° nel Giro dell’Emilia. L’anno successivo, ancora nella Jenis, è 2° alla Coppa Placci, 8° alla Milano-Modena, 12° al Giro di Toscana, 15° al Giro di Romagna. Nel 1927 è quarto al Giro di Romagna e 13° al Giro dell’Emilia. Nel 1929 infine è 16° al Giro di Romagna. In carriera si è allineato in ben sei edizioni del Giro d’Italia dove come miglior risultato registra un prestigioso 5° posto finale nell’edizione del 1924  vinta dall’eclettico Giuseppe Enrici.

 

 

Testo di Nino Villa

Si informazioni tratte dal libro di Decio Testi “Dal ciclismo eroico ai giorni nostri. Appunti sui professionisti romagnoli”.

La storia di Enea Dal Fiume, vincitore della prima Coppa Placciultima modifica: 2009-04-10T03:28:00+02:00da velocipedista
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento