Novi Ligure, l’università del ciclismo

MSR_girardengo.jpgCostante Giardengo e Fausto Coppi. Due monumenti della storia del ciclismo che hanno un comune denominatore: entrambi hanno vissuto a lungo a Novi Ligure. Forse non tutti sanno quanto questa cittadina, che a dispetto dell’appellativo “ligure” è invece geograficamente negli ultimi lembi del Piemonte, in provincia di Alessandria, nel quale si intrecciano culture e tradizioni diverse. Novi ligure ha dato alla storia del ciclismo, tanto da essere definita “la Cittá dei Campionissimi” e l’Università del Ciclismo.incorsa6.jpg

Costante Girardengo, novese purosangue, e Fausto Coppi, nativo di Castellania a meno di 20km da Novi, che qui ebbe il battesimo sportivo e visse praticamente tutta la vita. Già i due nomi “assoluti” di questo sport basterebbero ad inquadrare la storia sportiva di Novi. Gira e Fausto vinsero 7 giri d’Italia (due il primo, cinque il secondo) e 53 tappe (trenta Costante, ventitré Fausto). Ma con loro e per loro é fiorito un autentico culto che fa di Novi un santuario laico dello sport del pedale.

Novi Ligure ha dato i natali anche ad altre figure storiche del ciclismo, come Luigi Giacobbe, Ettore Milano, Andrea Carrea, Franco Giacchero, Mario Gervasoni, Mauro Fossati, Piero Fossati, Osvaldo Bailo, Biagio Cavanna, Virginio Colombo e molti altri.

Novi non produceva solo ciclisti, ma anche la materia prima: le biciclette. Nel corso degli anni qui si sono succeduti marchi storici di industrie ciclistiche: la “Fiorelli”, la “Santamaria” e la stessa “Girardengo”. Da non dimenticare anche la Societá ciclistica SIOF di Pozzolo F.. Di Novi anche i Mario Ferretti – padre e figlio – (il primo fu anche Segretario della Federazione ciclistica, il secondo mitico radiocronista degli anni d’oro di Coppi). Fu grazie a questi personaggi che Novi Ligure venne definita da “Carlin”: “L’Universitá del ciclismo” e che il “Giro” onorò con due tappe nel 1965 e nel 1978.

Novi 02.jpgE dove se non a Novi l’idea di realizzare un Museo del ciclismo? Un’opera originale – dice l’amministrazione comunale – e non una semplice raccolta di cimeli, in grado di coinvolgere il visitatore in maniera attiva, rendendolo partecipe di una serie di percorsi studiati appositamente per questa struttura che è diventata anche un punto di attrazione turistica. Il Museo, che è guarda caso in Viale dei Campionissimi, 2 , è aperto Venerdì, Sabato, Domenica e Festivi, altri giorni su prenotazione chiamando lo 0143.72585.

Quello attorno a Novi ligure è un territorio prevalentemente collinare, che  corona la città e i paesi delle “dolci terre” novesi. Strade tortuose con continui saliscendi Novi 03.jpgpercorrono questi luoghi e ad ogni svolta o al termine di una salita si aprono nuovi scenari ricchi di vigneti, boschi e prati. Questa è la palestra naturale nella quale Costante Girardengo e Fausto Coppi misuravano le loro capacità in prove estenuanti che hanno permesso ai due ciclisti di meritare il titolo di Campionissimi.

 
(tratto in parte dal sito www.museodeicampionissimi.it)
 
1241_1.JPG
Novi Ligure, l’università del ciclismoultima modifica: 2009-01-24T05:35:00+01:00da velocipedista
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento