Con “i Forzati della Strada” il ciclismo storico arriva nelle Marche

 

Forzati logo.JPG

Il ciclismo storico passa il Rubicone. Anche le Marche varano una manifestazione riservata ai nostalgici del ciclismo d’epoca: “i Forzati della Strada” si ritroveranno il 20 giugno a Montottone, in provincia di Fermo.


La manifestazione cicloturistica è aperta a tutti quelli che amano profondamente il ciclismo e vogliono condividere il piacere di viaggiare nel tempo, alla ricerca delle radici e delle emozioni dello sport più bello e coinvolgente del mondo. Lontani dall’agonismo estremo che si respira sempre più spesso fra i cicloamatori. Possono partecipare anche coloro che pur non avendo l’equipaggiamento d’epoca vogliono provare l’emozione del ciclismo d’antan.

 

Due i percorsi per questa prima edizione de “i Forzati della Strada”: km 40, per i meno preparati, e km 80 per i più ‘agguerriti’. Le strade bianche, per circa metà dei chilometri da percorrere, sono in buono stato. Il percorso è quello tipico dell’entroterra marchigiano, un continuo saliscendi completamente immerso nella natura.


La quota d’iscrizione è di 10 euro. La quota comprende il pranzo, i ristori, il servizio docce e il pacco gara, solo per i primi 250 iscritti. Per ovvie ragioni organizzative, il pranzo sarà offerto solo a coloro che si iscriveranno entro il 10 giugno. Per chi si iscrive dopo tale data la quota è di 6 euro, ma senza pranzo e pacco gara.

In stile nostalgico anche il pranzo, con alcuni piatti della cucina tradizionale fermana, che affonda le sue origini nella civiltà contadina: Vincisgrassi, Fagioli con cotiche, ciauscolo, olive fritte, frutta, vino Rosso Piceno della Cantina Terre Picene e vino cotto. Tanti i premi, individuali e alle squadre, distribuiti a chi interpreta al meglio lo spirito della manifestazione.

La prima edizione de “i Forzati della Strada” è dedicata a Fausto Coppi, nel 50° anniversario della morte. Il Campionissimo sarà il protagonista di una mostra e, un suo ritratto, realizzato appositamente da un artista, sarà riprodotto sugli oggetti donati ai partecipanti (litografia-diploma, bottiglia di vino e t-shirt).

Il nome “i Forzati della Strada” è un omaggio a quei corridori che hanno contribuito a creare la leggenda del ciclismo. “Les Forcats de la route” fu coniato dal celebre giornalista francese Albert Londres nel 1924. Appena tornato da un viaggio dentro le colonie penali della Cayenna, venne inviato da quotidiano Le Petit Parisien al seguito del Tour de France. Dopo qualche giorno, Londres, completamente digiuno di ciclismo, osserva la similitudine tra la vita e le sofferenze dei condannati ai lavori forzati e quella dei corridori. Il titolo annunciava un’intervista ai fratelli Pelissier subito dopo il ritiro dal Tour. Alla manifestazione sarà affiancato il raduno degli ex corridori marchigiani.


Montottone è un antico e importante centro per la produzione delle ceramiche. Il paese è un suggestivo borgo medievale dell’entroterra, a 26 chilometri dal mare. Un paradiso per chi ama pedalare e per chi ama fare una vacanza a stretto contatto con la natura.

Info: www.iforzatidellastrada.it

E-mail: info@iforzatidellastrada.it

Telefono: 349 81 10 419

 

Con “i Forzati della Strada” il ciclismo storico arriva nelle Marcheultima modifica: 2010-04-09T00:38:18+00:00da velocipedista
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento