Il 6 settembre tutti alla Vaca mora!

vacamora.jpgGli abitanti delle montagne di Schio lo chiamavano “Vaca mora”. Era il trenino a vapore che faceva servizio nell’Altovicentino con avventure talvolta memorabili. A distanza di tanti anni, l’Associazione Historic Club Schio, nota a livello nazionale per le sue manifestazioni di veicoli d’epoca, fortemente persuasa che le radici della cultura di un territorio debbano essere rievocate anche attraverso il ricordo della “vita di un tempo” e degli avvenimenti che hanno fatto storia, organizza una cicloturistica per bici d’epoca nel percorso delle ferrovie dismesse di montagna che si terrà a Schio (Vicenza) il prossimo 6 settembre.

L’organizzazione invita quindi tutti gli appassionati di biciclette d’epoca al 1˚ raduno nazionale che condurrà lungo i percorsi delle vecchie linee ferroviarie, oggi dismesse, della “Vaca mora”. Sarà un’occasione per lucidare e oliare le amate bici di una volta e magari indossare i vostri indumenti da ciclismo d’annata. La prima edizione porterà da Schio fino a Laghi in Val di Ferro, percorrendo la vecchia linea ferroviaria, ora ciclabile, Rocchette-Arsiero.

Questo il regolamento:

La “Vaca mora” è una manifestazione cicloturistica, non competitiva, che si svolge in parte su strade aperte al traffico e in parte su piste ciclabili anche sterrate, con bici d’epoca lungo i percorsi delle vecchie linee ferroviarie di montagna.

Partecipazione Possono partecipare tutti i cicloturisti che ne faranno esplicita richiesta compilando la scheda di prenotazione.
Lo spirito della manifestazione prevede la partecipazione con bici d’epoca e possibilmente abbigliamento in tema.

Iscrizione Da effettuarsi entro il 30 agosto 2009 tramite invio della scheda di prenotazione.

Quota iscrizione € 10,00. La quota d’iscrizione comprende il materiale fornito alla partenza e i ristori lungo il percorso.
€ 5,00 per i partecipanti del percorso “Vaca mora-Baby”.

Norme In caso di pioggia la manifestazione verrà rinviata a domenica 13 settembre 2009.
I partecipanti sono tenuti al rispetto del Codice della Strada, in particolare nelle parti del percorso aperte alla viabilità ordinaria.
E’ obbligatorio l’uso del casco per i minori.
Si richiede ai partecipanti buone condizioni fisiche garantite da un certificato medico attitudinale.
Gli organizzatori non sono responsabili per eventuali danni a terzi.

Norme comportamentali Nell’auspicare un comportamento consono alla manifestazione, si ricorda che è vietato abbandonare rifiuti di qualsiasi tipo sul territorio; è vietato danneggiare rifugi, ripari, ponti o qualunque altra costruzione sul territorio; è vietata la raccolta di prodotti agro-silvo-pastorali e di funghi.

Consigli tecnici Su suggerimento di alcuni ciclisti veterani delle corse con bici d’epoca su sterrati, visto il pericolo di forature, si consiglia l’utilizzo delle classiche coperture da 23 pollici con camera d’aria ad una pressione tra le 6,5 e le 7,5 atmosfere. E’ comunque consigliabile portarsi almeno una camera d’aria di scorta, ferri ed una pompetta.

Tipologie di biciclette Sono considerate d’epoca tutte le biciclette con almeno 20 anni e con le seguenti caratteristiche: cavi dei freni esterni, leve cambio al telaio e pedali con gabbiette fermapiedi per i modelli da corsa. Sono altresì gradite le bici militari e quelle adibite un tempo alla consegna o alla vendita come quelle del postino, pittore, fornaio; naturalmente è consigliabile un abbigliamento in tema.
Per i partecipanti alla “Vaca mora-Baby” non è obbligatorio l’uso della bici d’epoca.
Vista la tipologia della manifestazione e per motivi di sicurezza, si sconsiglia la partecipazione delle mountain bike (MTB).

Premi Verranno premiati: il/la più attempato/a e il/la più giovane con bici e abbigliamento d’epoca, il partecipante con la bici d’epoca più vecchia, ecc..

Per informazioni contattare l’Associazione veicoli d’epoca HISTORIC CLUB SCHIO – Casella Postale 156 – 36015 Schio (Vicenza). Tel 0445 526758.

Il 6 settembre tutti alla Vaca mora!ultima modifica: 2009-04-13T08:36:00+00:00da velocipedista
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento