Val D’Aosta – arriva uno spettacolo su Maurice Garin

Lucat.jpegUn inedito spettacolo su Maurice Garin, primo vincitore al “Tour de France”, caratterizza le “Journées de la Francophonie” 2009

Dal momento che quest’anno il “Tour de France” toccherà anche la Valle d’Aosta, l’assessorato regionale all’istruzione e cultura ha colto l’occasione per ricordare a teatro l’atleta che ne vinse la prima e, nonostante le polemiche, anche la seconda edizione: Maurice Garin, nato ad Arvier, rivive con il volto e le pedalate sul palco di Pierre Lucat, affiancato da Aurore Casazza e Stefania Ventura, per la regia di Livio Viano e con le musiche di Giorgio Negro.

All’interno di una scenografia che ricorda un velodromo, su cui vengono proiettate immagini del primo Novecento, Lucat-Garin pedala e vince, sfidando l’ironia del “patron” del “Tour”, che ride quando sente da dove viene: «in effetti non è semplice superare la reazione che in Francia si vede ancora nei confronti di chi arriva da questo posto che si trova in Italia ma in cui si è bilingui – nota l’attore di Pontey, ma che da anni vive e lavora a Lione – mi trovo quest’anno a chiudere un cerchio legato al Tour de France: con Garin vinco il primo Tour, con Bobet (in “Bartali”, n.d.r.) il cinquantesimo e anche il centesimo, nel film in preparazione per la regia di Pablo Sereno de la Viña».

«Abbiamo voluto far riscoprire questo grande atleta valdostano – spiega l’assessore Laurent Viérin che ha commissionato a Livio Viano la pièce su Garin – attraverso una creazione teatrale che sarà interpretata davanti a oltre seicento allievi e proposta al pubblico. Partendo come spazzacamino da una piccola comunità come la nostra, con la determinazione, il coraggio e la tenacia che caratterizzano la gente di montagna, Garin vinse nel 1903 il primo “Tour de France”, che nel tempo si è imposto come evento sportivo seguito in tutto il mondo».

Val D’Aosta – arriva uno spettacolo su Maurice Garinultima modifica: 2009-03-22T01:08:00+00:00da velocipedista
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento